MUSICHE E STORIE DI EMIGRANTI ITALIANI

 

di PATRIZIA SCASCITELLI

 

La pianista Patrizia Scascitelli, dopo il successo dell’esibizione ad Amman per la Settimana della Lingua Italiana nel Mondo 2011, torna in duo con un cantante a raccontare l’Italia, affrontando uno dei capitoli più importanti e dolorosi del suo recente passato: l’emigrazione. Storie di emigranti per fame o in cerca di successo, di famiglie povere e brillanti artisti e scienziati, narrate in tre diversi momenti:

1) Una lezione-spettacolo sulle rotte migratorie, i motivi economici, politici e culturali alla base delle grandi ondate migratorie provenienti dall’Italia. Storie di emigranti italiani verso le Americhe, accompagnate da alcuni momenti musicali.

2) Lo spettacolo musicale serale, con canti tradizionali di emigranti e grandi capolavori composti da artisti di origine italiana.

3) Un eventuale incontro con la comunità locale e gli appassionati della cultura, della storia e della musica italiana.

 

Temi affrontati nella lezione-spettacolo:

–          La grande emigrazione avvenuta in Italia tra fine secolo XIX e XX, che ha avuto come punto d’origine la povertà di vaste zone dell’Italia e la voglia di riscatto d’intere fasce della popolazione. Una emigrazione tra le principali destinazioni il Nord e il Sud America, in particolare Stati Uniti, Brasile e Argentina.

–          Successi di italiani all’estero (emigranti di prima o seconda generazione): Il ruolo che scienziati, musicisti, attori, pittori, professionisti italiani hanno avuto nel mondo, specialmente negli Stati Uniti (molte scoperte fatte da Italiani hanno contribuito allo sviluppo industriale e tecnologico americano). Esempi: A. Meucci, G. Marconi, E. Fermi tra i grandi scienziati italiani che operarono negli Stati Uniti.

Seguendo il percorso storico, gli approfondimenti verranno intervallati dall’esecuzione di alcuni brani musicali.

Tra i momenti musicali che caratterizzano la lezione-spettacolo e il concerto serale segnaliamo:

  • Lacreme Napulitane: i suoi versi drammatici, tratti da una lettera scritta da un emigrante alla propria madre, sono la testimonianza della sofferenza di coloro che, oltre a lasciare la loro terra d’origine e I loro cari, affrontavano l’incognita di vivere in un paese straniero.
  • New Orleans e gli albori del Jazz: Il contributo Italiano dei musicisti di origini siciliane, tra cui il trombettista Nick La Rocca che con la “ Original Dixieland Jass Band” registrò “Livery Stable Blues” ( 1917) che fu la prima registrazione, pubblicata, nella storia del jazz.  E il famosissimo cantante Louis Prima, conosciuto anche come il re dello swing.
  • Argentina il Tango e Astor Piazzolla (Astor Pantaleón Piazzolla, 1921 – 1992) compositore e suonatore di bandoneon che rivoluzionò il tradizionale tango con un nuovo stile chiamato  “ nuevo tango” unendo elementi di musica classica e jazz.
  • Un omaggio al genio musicale di Henry Mancini.

 

Le Star: tra i più famosi cantanti che si sono resi soprattutto interpreti del “Great American Songbook”, troviamo in gran numero gli italo-americani, giganti dello spettacolo come F. Sinatra, D. Martin, T. Bennett. Alcuni di loro sono stati anche grandi star del cinema e di show televisivi.

 

Leggi e scarica la descrizione completa